Top

Attività di pesca: quando la condotta configura un delitto contro l’ambiente?

Categoria: Responsabilità ambientali
Autorità: Cass. Pen.
Data: 20/04/2017
n. 18934

Rientra tra le condotte “abusive” richieste per la configurabilità di alcuni delitti contro l’ambiente l’esercizio di attività di pesca che, seppure non vietata, viene effettuata con mezzi vietati o da soggetti privi dei necessari titoli abilitativi. Inoltre, il depauperamento della fauna in una determinata zona con una drastica eliminazione degli esemplari ivi esistenti implica una compromissione o un deterioramento dell’ecosistema ex art. 452-bis cod. pen. (delitto di inquinamento ambientale), da intendersi, in assenza di specifica definizione, quale equilibrata interazione tra organismi, viventi e non viventi, entro un determinato ambito, ovvero, secondo la definizione datane dalla giurisprudenza di «ambiente biologico naturale, comprensivo di tutta la vita vegetale ed animale ed anche degli equilibri tipici di un habitat vivente» o, quanto meno, della fauna stessa singolarmente intesa.


Vedi il testo completo: Link al documento

© Riproduzione riservata