Top

SICUREZZA – Esercizio legittimo dello “jus variandi”

Categoria: Sicurezza lavoro
Autorità: Corte di Cassazione Civile – Sez. Lavoro
Data: 24/06/2009
n. 14841

Ai fini dell'accertamento della responsabilità del datore di lavoro per infortunio del proprio dipendente, l'affidamento ad esso di una mansione diversa da quelle normalmente assegnate non può costituire di per sé un elemento di colpa, considerato che nell'esercizio dello "jus variandi" il datore di lavoro può destinare il lavoratore a mansioni diverse da quelle solitamente svolte, purché il loro esercizio sia rispettoso della professionalità del dipendente e rientri nella sua capacità, anche in relazione a quella acquisita per esperienze pregresse. Ne consegue che l'affidamento occasionale della guida di un camion ad un dipendente fornito della prescritta abilitazione, oltre che della pratica di guida del mezzo, non costituisce un elemento di prova idoneo a dimostrare l'inadempimento all'obbligo di sicurezza posto a carico del datore di lavoro, non essendo la guida di autoveicoli, per il trasporto di persone o cose, qualificabile come un' attività intrinsecamente pericolosa.


Vedi il testo completo: Link al documento

© Riproduzione riservata