Cari web-lettori,

Sblocca ambiente”?
Il Presidente del Consiglio ha annunciato che a breve verrà emanato un decreto (“Sblocca Italia”) che dovrebbe, appunto, sbloccare una serie di progetti attualmente parcheggiati, alcune volte da lustri, per i più svariati motivi.
Molti di questi progetti hanno decisamente un rilevante impatto ambientale. Si parla –pare – di grandi opere, inceneritori, discariche.
Qual è il limite fra il Nimby egoista e a sproposito e le giuste e doverose esigenze di informazione, trasparenza e obiettiva valutazione ambientale? Domanda che impone una risposta non certo semplice. Comunque, attenzione! La crescita uber alles tipo schiacciasassi senza limiti non è un valore ne’ sostenibile, ne’ accettabile. E la ricerca di un equilibrio è difficile, ma indispensabile.
Inoltre. Nel nostro settore, un vero “sblocca ambiente” dovrebbe più che altro consistere nello sbloccare quelle norme mai effettivamente attuate (si parla di centinaia di dm mai emanati) e di semplificare e modernizzare quelle allucinanti ed eterne procedure autorizzatorie (stile “never ending story”) per ogni minima richiesta, per ogni minimo rinnovo.
Speriamo dunque che il nostro legislatore riesca a trovare un equilibrio non solo tra i mai e i sempre, ma anche tra forme autorizzatorie chiare, semplici e certe, e forme e strumenti di controllo e di vigilanza effettive e puntuali.
In conclusione segnalo i prossimi corsi di TuttoAmbiente prima della pausa estiva:

Alla prossima settimana

Stefano Maglia                                                      

s.maglia@tuttoambiente.it

Seguici anche su Facebook,Twitter e Linkedin!

© Riproduzione riservata


Condividi: