Cari web-lettori,

Assieme, AssIEA!

Non so se vi ricordate quel mio editoriale di luglio “Un mercoledì da leoni o una vita da pecoroni”. Sono passati quasi tre mesi da quella sorta di “manifesto” e finalmente siamo in grado di partire con ASSIEA a tutti gli effetti. Ora c’è tutto per salire assieme su quell’onda: Statuto, Regolamento, Sede, Modalità di iscrizione, Conto corrente, Organi, Comitato scientifico, prime convenzioni esclusive per gli associati.
Sentite cosa affermava la Corte di Cassazione già dal 2004 (sentenza n. 28126): in campo ambientale “la sempre maggiore complessità dell’attività produttiva dell’impresa moderna e delle congerie di norme da osservare, spesso richiedono il possesso di conoscenze tecniche specialistiche non comuni tali da imporre il ricorso ad esperti”. Ma quelli veri.
Al proposto v
orrei ricordare a tutti gli obiettivi principali dell’Associazione Italiana Esperti Ambientali: valorizzare e qualificare la figura del vero esperto ambientale attraverso la verifica dei requisiti di cui al Regolamento; offrire opportunità formative, professionali e di crescita anche ai giovani che aspettano l’onda giusta per spiccare il balzo tra le opportunità che questa professione offre; fare rete tra gli associati; puntare ad un riconoscimento di ASSIEA al MISE per poi richiedere una vera e propria certificazione dell’esperto ambientale alla luce della L. 4/13 (sulle professioni non riconosciute); fare opinione, ricerca ed essere un vero punto di riferimento per coloro che (scrivevo già a luglio) “con competenza, passione e amore per l’ambiente credono in un futuro ed in uno sviluppo sostenibile raggiungibile e concreto entro il quale sviluppare le proprie professionalità”.
Ci riusciremo solo se AssIEA diventerà grande. Chi ci sta?
Scrivevo allora: “non ne posso più di somari, avvoltoi, inquinatori, parolai, politici e “maestri” ignoranti, business man eco incompatibili! E voi?”
Creiamo assieme AssIEA e facciamola crescere. Vi aspettiamo. Vi aspetto.

Alla prossima settimana!

Stefano Maglia

s.maglia@tuttoambiente.it

Seguici anche su Facebook, Twitter e Linkedin!

© Riproduzione riservata


Condividi: