Care/i web-lettrici/lettori,

Sistriade atto ?
La morbosa attenzione del nostro legislatore per il SISTRI non conosce sosta ed è direttamente proporzionale solo alla sua inefficacia e voracità economica. Mentre il Tar Lazio con la sentenza n. 5569 dell’11 maggio 2016 ha ritenuto – ovviamente – inammissibile il ricorso presentato dalla SELEX contro il Ministero dell’Ambiente per avere ancora più soldi (al proposito rammento che ad oggi il Ministero dell’ambiente – cioè noi – ha versato per il SISTRI oltre 94 milioni di Euro, con un debito accumulato di oltre 233 milioni!) ed il Parlamento accusa il Ministero di non ascoltare le sue richieste in proposito almeno della riduzione del “contributo”, a partire dal prossimo 8 giugno entrerà in vigore il D.M. 30 marzo 2016, n. 78, recante il “Regolamento recante disposizioni relative al funzionamento e ottimizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti”. Ottimizzazione? Mah. In ogni caso serve fare un po’ di chiarezza ed affidarsi ad una formazione autorevole.
Anche dello “stato dell’arte” e delle prospettive future del SISTRI si tratterà ovviamente nell’ambito della famosa Summer School GESTIONE RIFIUTI – Aspetti pratici e operativi che si terrà dal 28 al 30 giugno nel meraviglioso castello di Rivalta (foto precedente edizione), nell’ambito della quale Pipere, Onori, Collina, Mensi ed io tratteremo tra l’altro anche di corretta classificazione, terre e rocce, sottoprodotti, Albo, trasporto, responsabilità e sanzioni. Affrettatevi: posti limitati!!!
A proposito di Alta formazione, come vedrete qui poco sotto nella rubrica Formazione abbiamo lanciato tutti i Master e Scuole del secondo semestre (da ultimo il Master ESPERTO AMBIENTALE a Roma e Bologna e la Scuola per RESPONSABILI AMBIENTALI a Milano). Le iscrizioni sono aperte e sono previste agevolazioni: scaricate le brochure per saperne di più!
Segnalo infine non solo la possibilità di usufruire dei fondi previsti per la formazione finanziata ma anche che in un decreto correttivo che sarà approvato questa settimana in Consiglio dei ministri si tratterà della deducibilità delle spese di formazione per i professionisti. E ricordatevi che solo i veri esperti possono formare gli esperti!

Alla prossima settimana!

Stefano Maglia

s.maglia@tuttoambiente.it

Seguici anche su Facebook,Twitter e Linkedin!

© Riproduzione riservata


Condividi: