Cari web lettori,
è davvero sorprendente come ci si continui ad accanire su sterili questioni di risibile rilievo mentre aziende, controllori, PA e milioni di operatori sono alle prese con numerosissimi problemi quotidiani e questioni assolutamente concrete che provocano disagi e rischi notevoli.
Alcuni temi? Pensate all’effetto domino generato dalla nuova definizione di rifiuti pericolosi (ricordo in proposito il corso di Mestre del 28 settembre ) sul deposito temporaneo, sulla miscelazione, sulla corretta classificazione e sul trasporto. Oppure le fantasiose interpretazioni dell’operazione di recupero R12 (come modificata del DLvo 205) che per qualcuno impatterebbe d’amblè (perdonate l’italianismo di d’emblée
) qualcosina come migliaia di autorizzazioni in procedura semplificata. O, ancora, le decine di dubbi che accompagnano il deposito temporaneo in caso di manutenzione, le responsabilità del proprietario che “subisce” un abbandono di rifiuti, e mille altri casi ancora…in cui tra decreti ministeriali mai emanati (quello sulla preparazione per il riutilizzo lo aspettiamo per giugno, sì, ma del 2011!!! Per non parlare di ‘ste benedette terre e rocce!!!!), interpretazioni balorde (per es. sul sottoprodotto ne ho sentite di tutti i colori”), norme scritte in certi casi con un inconsapevole “sadismo” (pensate ai pasticci normativi sul trasporto transfrontaliero dei rifiuti!) e ignoranza di disposizioni normative “nascoste” e misteriose, è davvero un miracolo che il “sistema” gestione rifiuti riesca ad andare avanti. (Sistri o non Sistri)
A proposito delle novità normative vi segnalo il nuovissimo Corso di formazione a Milano il 12 luglio su “RIFIUTI: DECRETI MONTI E SISTRI. Cosa è cambiato? Analisi operativa” , in cui Paolo Pipere ed io faremo il punto su Sistri, terre e rocce e materiali da riporto, rifiuti pericolosi, operazioni di dragaggio, Raee, sfalci e potature, deposito temporaneo, e su tutte le altre novità introdotte in questi ultimi mesi (e su quelle che giungeranno nelle prossime settimane).
A proposito di novità: ho ricevuto tantissimi complimenti per il nuovo sito e per il nuovo servizio di news quotidiane, ma c’è anche qualcuno di voi che preferirebbe che le news fossero ridotte, magari a tre alla settimana, ma più “arricchite” di contenuti. Sondaggio: fatemi conoscere la vostra opinione!
Da ultimo un pensiero alle vittime del terremoto della mia terra, l’Emilia-Romagna…

Alla prossima settimana…

Stefano Maglia
s.maglia@tuttoambiente.it

© Riproduzione riservata


Condividi: