Top
rifiuti_1000-jpg

Incontri con Esperti

Sottoprodotti e end of waste

Quando gli scarti non sono rifiuti? Quando un rifiuto torna ad essere un prodotto?

Piacenza, 05/03/2020

 

Il DM 13 ottobre 2016, n. 264, in vigore dal 2 marzo 2017, ha definito i “criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti e non come rifiuti”. Si tratta di un elemento di novità molto importante che contribuisce a rendere più praticabile il concreto ricorso alla nozione di sottoprodotto in tutte le imprese che effettuano lavorazioni industriali o artigianali.

Affinché si possa veramente realizzare l’auspicata transizione al modello di economia circolare è indispensabile anche chiarire a quali condizioni un materiale, una sostanza o un oggetto che risponde alla definizione di rifiuto possa, a seguito di un’operazione di recupero, ritornare a essere un prodotto, quindi una materia prima o una merce impiegabile in un secondo ciclo di utilizzo.

In tema di EoW in particolare, saranno affrontati gli effetti della recente riforma dell’art.184 ter.

In questo corso saranno affrontate ed esaminate tutte le concrete possibilità di applicazione di queste importanti nozioni per tutti i “produttori di residui di produzione” o recuperatori di rifiuti che desiderano sfruttare con sicurezza questa grande possibilità.

Uno  fra i massimi esperti nazionali della disciplina non solo esaminerà operativamente questi temi ma risponderà a tutti i quesiti dei partecipanti.

Durata del corso 4 ore.

Master per Responsabile Ambientale Azienda Milano 2018

Programma

SOTTOPRODOTTI

  • Rifiuto o non rifiuto? La disciplina nazionale e europea
  • La nozione di sottoprodotto nel D.Lgs.152/2006(art.184 bis)
  • Il concetto di “normale pratica industriale”
  • Tutte le novità introdotte dal DM 13 ottobre 2019, n.264
  • Definizioni, condizioni, certezza utilizzo, deposito, documentazione, controlli.
  • Quali “certezze” e quali rischi e sanzioni?
  • Esame di casi pratici di applicazione della nozione di sottoprodotto
  • La posizione della giurisprudenza

END-OF-WASTE

  • La nozione di “cessazione della qualifica di rifiuto” nel D.Lgs 152/2006 (art. 184 ter)
  • Punti di contatto e differenze rispetto alla nozione di sottoprodotto
  • Con quali autorizzazioni, e a quali condizioni, si può recuperare un rifiuto trasformandolo in prodotto?
  • Analisi delle condizioni e dei criteri contenuti nei Regolamenti europei e nei DM sull’end of waste
  • La prospettiva di superamento della nozione di “materie secondarie”
  • Gli effetti della sentenza 1229/2018 del consiglio di stato.
  • La riforma dell’art. 184 ter
  • Criticità operative

    Sede del corso

TUTTOAMBIENTE spa – Via Cavour, 42 – come arrivare 

Coordinatore Scientifico

Stefano Maglia

Docente
    Prof. Stefano Maglia Professore in Diritto Ambientale presso l'Università di Parma, Presidente di TuttoAmbiente S.p.A., Presidente nazionale di Ass.IEA., Consulente ambientale
Quota € 250 + IVA

Scontistica

  • 10% per due partecipanti
  • 15% per tre o più partecipanti o abbonati Premium
  • 20% per Associati Assiea

È possibile iscriversi anche via tel (0523.315305) o fax (0523.319308), compilando ed inviando il modulo di iscrizione.

Potrebbero interessarti anche