Top

D.L. 20 June 2017, n. 91

Disposizioni urgenti per la crescita economica del Mezzogiorno

Gazzetta ufficiale: n. 141 del 20 giugno 2017

Dal 13 agosto 2017 è in vigore il testo definitivo del decreto n.91 del 20 giugno 2017, come convertito, con modifiche, dalla Legge 3 agosto 2017, n. 123, pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 12 agosto 2017. Il provvedimento detta una serie di disposizioni urgenti che intervengono anche a modificare in più punti il testo del D. L.vo 152/2006. In particolare, l’art. 9 conferma che alla classificazione dei rifiuti sarà tenuto il produttore, il quale dovrà assegnare il competente codice CER applicando la disciplina comunitaria di riferimento, mentre l’art. 9-bis interviene sulla vigente disciplina degli imballaggi, introducendo nuovi divieti di commercializzazione per determinate tipologie di borse di plastica, nonché una serie di modifiche in materia di elaborazione dei dati sull’utilizzo delle borse di plastica in materiale leggero. Non mancano disposizioni riguardanti il contrasto del fenomeno degli incendi boschivi (art. 9-sexies) ed il risanamento ambientale ad opera dell’Amministrazione straordinaria ILVA (art. 13). Il decreto tratta, inoltre, della bonifica e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli – Coroglio (art. 13-bis), e, in materia di accesso alla pensione per i lavoratori occupati in imprese che impiegano amianto, prolunga agli anni 2019 e 2010 il periodo di applicabilità dei benefici ai fini del conseguimento al trattamento di pensione (art. 13-ter).

Leggi testo completo legge

Decreto Legge del 20 giugno 2017, n. 91, conv. con mod. nella L. 3 agosto 2017, n. 123*

 

Entrata in vigore: 13 agosto 2017

 

*estratto

Art. 9

Misure urgenti ambientali in materia di classificazione dei rifiuti.

1. I numeri da 1 a 7 della parte premessa all’introduzione dell’allegato D alla parte IV del decreto legislativo 3 aprile 2006,n. 152, sono sostituiti dal seguente:

“1. La classificazione dei rifiuti e’ effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice CER ed applicando le disposizioni contenute nella decisione 2014/955/UE e nel regolamento (UE) n. 1357/2014 della Commissione, del 18 dicembre 2014, nonche’ nel regolamento (UE) 2017/997 del Consiglio, dell’8 giugno 2017″».

 

Art. 9-bis

Disposizioni di attuazione della direttiva (UE) 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, che modifica la direttiva 94/62/CE per quanto riguarda la riduzione dell’utilizzo di borse di plastica in materiale leggero. Procedura d’infrazione n. 2017/0127.

Al decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all’articolo 217, comma 1, dopo le parole: “Il presente titolo disciplina la gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio sia per prevenirne e ridurne l’impatto sull’ambiente” sono inserite le seguenti: “, favorendo, fra l’altro, livelli sostenuti di riduzione dell’utilizzo di borse di plastica,” e dopo le parole: “come integrata e modificata dalla direttiva 2004/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio” sono inserite le seguenti: “e dalla direttiva (UE) 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio”;

b) all’articolo 218, comma 1, dopo la lettera dd) sono aggiunte le seguenti:

“dd-bis) plastica: un polimero ai sensi dell’articolo 3, punto 5), del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, a cui possono essere stati aggiunti additivi o altre sostanze e che puo’ funzionare come componente strutturale principale delle borse;

dd-ter) borse di plastica: borse con o senza manici, in plastica, fornite ai consumatori per il trasporto di merci o prodotti;

dd-quater) borse di plastica in materiale leggero: borse di plastica con uno spessore della singola parete inferiore a 50 micron fornite per il trasporto;

dd-quinquies) borse di plastica in materiale ultraleggero: borse di plastica con uno spessore della singola parete inferiore a 15 micron richieste a fini di igiene o fornite come imballaggio primario per alimenti sfusi;

dd-sexies) borse di plastica oxo-degradabili: borse di plastica composte da materie plastiche contenenti additivi che catalizzano la scomposizione della materia plastica in microframmenti;

dd-septies) borse di plastica biodegradabili e compostabili: borse di plastica certificate da organismi accreditati e rispondenti ai requisiti di biodegradabilita’ e di compostabilita’, come stabiliti dal Comitato europeo di normazione ed in particolare dalla norma EN 13432 recepita con la norma nazionale UNI EN 13432:2002;

dd-octies) commercializzazione di borse di plastica: fornitura di borse di plastica a pagamento o a titolo gratuito da parte dei produttori e dei distributori, nonche’ da parte dei commercianti nei punti vendita di merci o prodotti”;

c) all’articolo 219, comma 3, dopo la lettera d) sono aggiunte le seguenti:

“d-bis) gli impatti delle borse di plastica sull’ambiente e le misure necessarie al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione dell’utilizzo di borse di plastica;

d-ter) la sostenibilita’ dell’utilizzo di borse di plastica biodegradabili e compostabili;

d-quater) l’impatto delle borse oxo-degradabili, come definito dalla Commissione europea ai sensi dell’articolo 20-bis, paragrafo 2, della direttiva 94/62/CE”;

d) all’articolo 219, dopo il comma 3 e’ inserito il seguente:

“3-bis. Al fine di fornire idonee modalita’ di informazione ai consumatori e di consentire il riconoscimento delle borse di plastica commercializzabili, i produttori delle borse di cui agli articoli 226-bis e 226-ter, ferme le certificazioni ivi previste, devono apporre su tali borse i propri elementi identificativi, nonche’ diciture idonee ad attestare che le borse prodotte rientrino in una delle tipologie commercializzabili. Alle borse biodegradabili e compostabili si applica il disciplinare delle etichette o dei marchi adottato dalla Commissione, ai sensi dell’articolo 8-bis della direttiva 94/62/CE”;

e) dopo l’articolo 220 e’ inserito il seguente:

“Art. 220-bis. (Obbligo di relazione sull’utilizzo delle borse di plastica). – 1. Il Consorzio nazionale imballaggi di cui all’articolo 224 acquisisce dai produttori e dai distributori di borse di plastica i dati necessari ad elaborare la relazione annuale prevista dall’articolo 4, paragrafo 1-bis, della direttiva 94/62/CE e comunica tali dati alla Sezione nazionale del Catasto dei rifiuti, avvalendosi del modello di dichiarazione ambientale di cui alla legge 25 gennaio 1994, n. 70, che, a tal fine, e’ modificato con le modalita’ previste dalla medesima legge. Le informazioni sono fornite per via telematica e riguardano ciascuna categoria di borse di plastica di cui all’articolo 218, comma 1, lettere dd-ter), dd-quater), dd-quinquies), dd-sexies) e dd-septies).

2. I dati sono elaborati dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale in attuazione della metodologia di calcolo dell’utilizzo annuale pro capite di borse di plastica e dei modelli di segnalazione stabiliti ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 1-bis, della direttiva 94/62/CE. Dal 27 maggio 2018, i dati relativi all’utilizzo annuale delle borse di plastica in materiale leggero sono comunicati alla Commissione europea con la relazione sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, in conformita’ all’articolo 12 della medesima direttiva”;

f) all’articolo 224, comma 3, lettera g), sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “nonche’ campagne di educazione ambientale e di sensibilizzazione dei consumatori sugli impatti delle borse di plastica sull’ambiente, in particolare attraverso la diffusione delle informazioni di cui all’articolo 219, comma 3, lettere d-bis), d-ter) e d-quater)”;

g) nel titolo II della parte quarta, dopo l’articolo 226 sono aggiunti i seguenti:

“Art. 226-bis. (Divieti di commercializzazione delle borse di plastica). – 1. Fatta salva comunque la commercializzazione delle borse di plastica biodegradabili e compostabili, e’ vietata la commercializzazione delle borse di plastica in materiale leggero, nonche’ delle altre borse di plastica non rispondenti alle seguenti caratteristiche:

a) borse di plastica riutilizzabili con maniglia esterna alla dimensione utile del sacco:

1) con spessore della singola parete superiore a 200 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano generi alimentari;

2) con spessore della singola parete superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano esclusivamente merci e prodotti diversi dai generi alimentari;

b) borse di plastica riutilizzabili con maniglia interna alla dimensione utile del sacco:

1) con spessore della singola parete superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano generi alimentari;

2) con spessore della singola parete superiore a 60 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano esclusivamente merci e prodotti diversi dai generi alimentari.

2. Le borse di plastica di cui al comma 1 non possono essere distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per singola unita’ deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite.

Art. 226-ter. (Riduzione della commercializzazione delle borse di plastica in materiale ultraleggero). – 1. Al fine di conseguire, in attuazione della direttiva (UE) 2015/720, una riduzione sostenuta dell’utilizzo di borse di plastica, e’ avviata la progressiva riduzione della commercializzazione delle borse di plastica in materiale ultraleggero diverse da quelle aventi entrambe le seguenti caratteristiche, attestate da certificazioni rilasciate da organismi accreditati:

a) biodegradabilita’ e compostabilita’ secondo la norma armonizzata UNI EN 13432:2002;

b) contenuto minimo di materia prima rinnovabile secondo le percentuali di cui al comma 2, lettere a), b) e c), determinato sulla base dello standard di cui al comma 4.

2. La progressiva riduzione delle borse di plastica in materiale ultraleggero e’ realizzata secondo le seguenti modalita’:

a) dal 1º gennaio 2018, possono essere commercializzate esclusivamente le borse biodegradabili e compostabili e con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 40 per cento;

b) dal 1º gennaio 2020, possono essere commercializzate esclusivamente le borse biodegradabili e compostabili e con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 50 per cento;

c) dal 1º gennaio 2021, possono essere commercializzate esclusivamente le borse biodegradabili e compostabili e con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 60 per cento.

3. Nell’applicazione delle misure di cui ai commi 1 e 2 sono fatti comunque salvi gli obblighi di conformita’ alla normativa sull’utilizzo dei materiali destinati al contatto con gli alimenti adottata in attuazione dei regolamenti (UE) n. 10/2011, (CE) n. 1935/2004 e (CE) n. 2023/2006, nonche’ il divieto di utilizzare la plastica riciclata per le borse destinate al contatto alimentare.

4. Gli organismi accreditati certificano la presenza del contenuto minimo di materia prima rinnovabile determinando la percentuale del carbonio di origine biologica presente nelle borse di plastica rispetto al carbonio totale ivi presente ed utilizzando a tal fine lo standard internazionale vigente in materia di determinazione del contenuto di carbonio a base biologica nella plastica ovvero lo standard UNI CEN/TS 16640.

5. Le borse di plastica in materiale ultraleggero non possono essere distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per singola unita’ deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti imballati per il loro tramite”;

h) all’articolo 261, dopo il comma 4 sono aggiunti i seguenti:

“4-bis. La violazione delle disposizioni di cui agli articoli 226-bis e 226-ter e’ punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 25.000 euro.

4-ter. La sanzione amministrativa di cui al comma 4-bis e’ aumentata fino al quadruplo del massimo se la violazione del divieto riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica oppure un valore di queste ultime superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore, nonche’ in caso di utilizzo di diciture o altri mezzi elusivi degli obblighi di cui agli articoli 226-bis e 226-ter.

4-quater. Le sanzioni di cui ai commi 4-bis e 4-ter sono applicate ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689; all’accertamento delle violazioni provvedono, d’ufficio o su denunzia, gli organi di polizia amministrativa, fermo restando quanto previsto dall’articolo 13 della citata legge n. 689 del 1981”.

2. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le amministrazioni pubbliche provvedono agli adempimenti previsti dal presente articolo con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

3. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto sono abrogati:

a) i commi 1129, 1130 e 1131 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296;

b) l’articolo 2 del decreto-legge 25 gennaio 2012, n. 2, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 28.

 

Art. 9-sexies

Norme di contrasto del fenomeno degli incendi boschivi.

1. Al comma 1 dell’articolo 10 della legge 21 novembre 2000, n. 353, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: “I contratti che costituiscono diritti reali di godimento su aree e immobili situati nelle zone di cui al primo periodo stipulati entro due anni dal fatto sono trasmessi, a cura dell’Agenzia delle entrate, entro trenta giorni dalla registrazione, al prefetto e al procuratore della Repubblica presso il tribunale competente. La disposizione di cui al periodo precedente si applica anche con riguardo ai contratti di affitto e di locazione relativi alle predette aree e immobili”.

2. Dopo il comma 1 dell’articolo 10 della legge 21 novembre 2000, 353, e’ inserito il seguente:

“1-bis. La disposizione di cui al primo periodo del comma 1 non si applica al proprietario vittima del delitto, anche tentato, di estorsione, accertato con sentenza definitiva, quando la violenza o la minaccia e’ consistita nella commissione di uno dei delitti previsti dagli articoli 423-bis e 424 del codice penale e sempre che la vittima abbia riferito della richiesta estorsiva all’autorita’ giudiziaria o alla polizia giudiziaria”».

 

Art. 13

Disposizioni in materia di risanamento ambientale da parte dell’Amministrazione straordinaria ILVA

1. Ai fini dell’attuazione delle misure previste dall’articolo 1, comma 6-undecies del decreto-legge 4 dicembre 2015, n. 191, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° febbraio 2016, n. 13, fermo restando quanto previsto dall’articolo 3, comma 1 del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 marzo 2015, n. 20, qualora la confisca abbia ad oggetto le obbligazioni di cui alla predetta disposizione, ferma la destinazione delle somme rivenienti dalla sottoscrizione delle obbligazioni per le finalita’ di cui al penultimo periodo del predetto articolo 3, comma 1 del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 marzo 2015, n. 20, il finanziamento di cui all’articolo 1, comma 6-bis, del decreto-legge n. 191 del 2015 e’ estinto mediante utilizzo delle risorse finanziarie derivanti dalla sottoscrizione delle suddette obbligazioni. I crediti derivanti dalla sottoscrizione delle suddette obbligazioni sono estinti fino a concorrenza dell’ammontare delle spese e dei costi sostenuti, a valere sul patrimonio destinato dell’emittente costituito ai sensi dell’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 marzo 2015, n. 20, per l’attuazione e la realizzazione di interventi di risanamento e bonifica ambientale, compresi gli interventi gia’ autorizzati a valere sui finanziamenti statali di cui all’articolo 1, comma 6-bis del decreto-legge 4 dicembre 2015, n. 191, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° febbraio 2016, n. 13.

1-bis. All’articolo 1, comma 6-undecies, del decreto-legge 4 dicembre 2015, n. 191, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º febbraio 2016, n. 13, dopo le parole: “e, per la parte eccedente, sulla contabilita’ speciale di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto-legge 5 gennaio 2015, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 marzo 2015, n. 20” sono inserite le seguenti: “, mediante la sottoscrizione di obbligazioni emesse dall’organo commissariale di Ilva S.p.A. in amministrazione straordinaria ai sensi dell’articolo 3, comma 1, del citato decreto-legge n. 1 del 2015”, dopo le parole: “interventi per il risanamento e la bonifica ambientale” sono inserite le seguenti: “dei siti facenti capo ad Ilva S.p.A. in amministrazione straordinaria” e dopo il primo periodo e’ inserito il seguente: “I crediti derivanti dalla sottoscrizione delle obbligazioni di cui al periodo precedente sono estinti con le modalita’ di cui all’articolo 13, comma 1, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91”.

1-ter. L’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 5 gennaio 2015, n.1, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 marzo 2015, n. 20, si attua nel senso che, a seguito del trasferimento dei complessi aziendali del gruppo Ilva, le somme rivenienti dalla sottoscrizione delle obbligazioni sono destinate all’attuazione e realizzazione del piano delle misure e delle attivita’ di tutela ambientale e sanitaria dell’impresa in amministrazione straordinaria nei limiti di quanto eccedente gli investimenti ambientali previsti nell’ambito dell’offerta vincolante definitiva del soggetto aggiudicatario della procedura di trasferimento dei complessi aziendali e, per la restante parte, alle ulteriori finalita’ previste dal medesimo articolo 3, comma 1, per le societa’ del gruppo Ilva in amministrazione straordinaria».

 

Art. 13-bis

Disposizioni in materia di bonifica ambientale e rigenerazione urbana delle aree di rilevante interesse nazionale del comprensorio Bagnoli-Coroglio.

  1. All’articolo 33, comma 12, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, il quinto periodo e’ sostituito dal seguente: “Tale importo e’ versato dal Soggetto Attuatore alla curatela fallimentare entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, facendo comunque salvi gli effetti di eventuali opposizioni del Commissario straordinario del Governo, del Soggetto Attuatore, della curatela fallimentare o di terzi interessati, da proporre, nelle forme e con le modalita’ di cui all’articolo 54 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327, entro centoventi giorni dalla data di pubblicazione della legge di conversione del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, ovvero, se successiva, dalla data della conoscenza della predetta rilevazione; per l’acquisizione della provvista finanziaria necessaria al suddetto versamento e anche al fine di soddisfare ulteriori fabbisogni per interventi necessari all’attuazione del programma di cui al comma 8, il Soggetto Attuatore e’ autorizzato a emettere su mercati regolamentati strumenti finanziari di durata non superiore a quindici anni.

 

Art. 13-ter

Disposizioni per l’accesso al trattamento pensionistico dei lavoratori occupati in imprese che impiegano amianto.

1. All’articolo 1, comma 117, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole: “nel corso degli anni 2015, 2016, 2017 e 2018” sono sostituite dalle seguenti: “nel corso degli anni 2015, 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020”.

2. All’articolo 1, comma 276, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, le parole: “2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018” sono sostituite dalle seguenti: “2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020” e le parole: “entro l’anno 2018” sono sostituite dalle seguenti: “entro l’anno 2020”.

3. Agli oneri derivanti dal comma 1, valutati in 0,5 milioni di euro per l’anno 2019, in 1,6 milioni di euro per l’anno 2020, in 2,1 milioni di euro per l’anno 2021, in 1,8 milioni di euro per l’anno 2022, in 1,1 milioni di euro per l’anno 2023, in 0,4 milioni di euro per l’anno 2024 e in 0,2 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2025, e agli oneri derivanti dal comma 2, pari a 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020, si provvede, per l’anno 2019, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 199, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e, a decorrere dall’anno 2020, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 200, della medesima legge n. 190 del 2014.

4. Agli oneri valutati di cui al comma 3 si applica l’articolo 17, commi da 12 a 12-quater, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

 

© Riproduzione riservata