Il MASE, con decreto n. 434 del 21 dicembre 2023, ha approvato il Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC).
 
I cambiamenti climatici rappresentano una delle sfide più rilevanti da affrontare a livello globale, ma non solo: l’Italia si trova nel cosiddetto “hot spot mediterraneo“, cioè un’area identificata come particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici.
 
Per questo, nel 2022 il Ministero, in collaborazione con ISPRA, ha pubblicato la Piattaforma nazionale sull’adattamento ai cambiamenti climatici, per informare e sensibilizzare i cittadini e i portatori di interessi sulla tematica e per rendere disponibili dati e strumenti utili a supportare la PA nei processi decisionali, nonché ha istituito un apposito Gruppo di lavoro con l’obiettivo di accelerare le attività finalizzate all’approvazione del Piano di adattamento.
 
Il PNACC elaborato risponde a una duplice esigenza: quella di realizzare compiutamente la prima e necessaria azione di sistema dell’adattamento e quella di produrre un documento di indirizzo, finalizzato a porre le basi per una pianificazione di breve e di lungo termine per l’adattamento ai cambiamenti climatici.
 
A seguito dell’approvazione del PNACC si aprirà la seconda fase del percorso, gestita dalla struttura di governance, finalizzata a garantire l’immediata operatività del Piano.
 
La struttura del PNACC è così articolata: il quadro giuridico di riferimento, il quadro climatico nazionale, gli impatti dei cambiamenti climatici in Italia e vulnerabilità settoriali, le misure e azioni del PNACC, finanziare l’adattamento ai cambiamenti climatici, governance dell’adattamento.
 
In allegato al PNACC sono riportati, inoltre, quattro documenti di riferimento per specifici aspetti del piano: due documenti di indirizzo per la definizione di strategie/piani regionali e locali di adattamento ai cambiamenti climatici, un documento analitico riportante il quadro delle conoscenze sugli impatti dei cambiamenti climatici in Italia, un documento di riferimento per le azioni di adattamento.
 
Per approfondire questo tema ti consigliamo di seguire il Master “Esperto Ambientale e della Transizione Ecologica” in diretta online dal 31 gennaio al 7 marzo 2024.
 
Master Esperto Ambientale


Condividi: