E’ stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014, la Legge n. 190 del 23 dicembre 2014, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”, che entrerà in vigore l’1 gennaio 2015.
Numerose sono le novità in materia ambientale: sono infatti previste risorse destinate all’acquisto di materiale rotabile su gomma; è favorita l’ottimizzazione e la riqualificazione energetica degli spazi ad uso ufficio ed è disposto il divieto, per le Regioni a statuto ordinario, di accedere a mutui per spese non rientranti nelle funzioni concernenti, tra l’altro, la tutela e la valorizzazione dell’ambiente.
Particolare rilevanza assumono le disposizioni in materia di amianto: sono infatti stati stanziati dei fondi per gli anni 2015, 2016 e 2017 destinati alla bonifica dei siti contaminati, nonché prestazioni assistenziali a favore dei malati di mesotelioma contratto a seguito di esposizione all’amianto.
Sempre in tema di bonifiche, la legge n. 190 del 2014 dispone che nei siti inquinati non ancora bonificati possano essere effettuati gli interventi richiesti dalla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, purchè non pregiudichino l’attività di bonifica e la salute dei lavoratori.
Il legislatore si è soffermato anche sul tema del dissento idrogeologico, disponendo finanziamenti per l’attuazione di interventi urgenti di messa in sicurezza.
Da segnalare, infine, è l’autorizzazione, per le Pubbliche Amministrazioni, ad avvalersi dei siti di stoccaggio autorizzati e disponibili per il trattamento dei rifiuti, al fine di ultimare la rimozione delle macerie conseguenti al sisma in Abruzzo. I soggetti incaricati dei lavori dovranno registrarsi nella banca dati di gestione delle macerie, al fine di agevolare i controlli sulla tracciabilità dei rifiuti e il monitoraggio delle informazioni. (RT)

 

 

 


Condividi: