E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 14 luglio 2015 (S.O. n. 38) il D.L.vo 26 giugno 2015, n. 105, recante “Attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose”.
Il D.L.vo n. 105/2015, composto di 33 articoli ed una serie di Allegati, è stato emanato ai fini dell’attuazione della Direttiva 2012/18/UE, tramite la quale il legislatore comunitario ha voluto assicurare la coerenza con altri Regolamenti (ad es. CLP sulla classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose) o Direttive europee (ad es. Direttiva 75/2010/CE relativa alla disciplina IPPC), e con le risposte fornite dalla Commissione europea ai quesiti emersi dall’applicazione della precedente Direttiva 96/82/CE in tema di incidenti rilevanti.
Le principali novità contenute nel D.L.vo n. 105/2015 riguardano:
– l’introduzione delle nuove definizioni di “stabilimento di soglia inferiore”, “stabilimento di soglia superiore”, “stabilimento adiacente”, “nuovo stabilimento”, “stabilimento preesistente”, “altro stabilimento”, “miscela”, “presenza di sostanze pericolose”, “deposito”, “deposito temporaneo intermedio”, “pubblico”, “pubblico interessato” e “ispezioni”, e alcune modifiche alle preesistenti definizioni (art. 3);
– la previsione di una specifica procedura volta alla valutazione dei pericoli di incidente rilevante per una particolare sostanza pericolosa (art. 4);
– la riscrittura delle norme sul sistema delle competenze (artt. 5-11);
– il nuovo obbligo, per il gestore, di dimostrare in qualsiasi momento alle Autorità competenti e di controllo l’adozione di tutte le misure di cui al D.L.vo in esame (art. 12, comma 2);
– in tema di misure di controllo degli stabilimenti interessati, la semplificazione dell’attuazione delle stesse e la riduzione dei connessi oneri amministrativi;
– la garanzia, in favore dei cittadini coinvolti, di un migliore accesso all’informazione sui rischi dovuti alle attività dei vicini impianti industriali e su come comportarsi in caso di incidente, nonché un’efficace partecipazione alle decisioni relative agli insediamenti nelle aree a rischio di incidente rilevante (artt. 23, 24, 25 e 26).
Il provvedimento in esame abroga, fra l’altro, il D.L.vo n. 33/1999 ed entrerà in vigore il 29 luglio 2015. (GG)

 

In argomento si segnala:

                         CORSO DI FORMAZIONE SEVESO III

      Analisi del D.L.vo 105/15 di recepimento della Dir. 18/12/CE

                                                 PIACENZA 21 settembre 2015

                                     Docenti: Edoardo Galatola e Stefano Maglia


Condividi: