Si segnala che la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 9 ottobre 2014 che stabilisce le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT) concernenti la raffinazione di petrolio e di gas, ai sensi della direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle emissioni industriali, è stata pubblicata sulla GUUE L 307 del 28 ottobre 2014. Le conclusioni relative alle migliori tecniche disponibili (BAT — Best Available Techniques) concernono alcune delle attività industriali indicate al punto 1.2 dell’allegato I della direttiva 2010/75/CE, ovvero: «1.2 Raffinazione di petrolio e di gas». Tra queste si annoverano, ad esempio,  l’alchilazione, la produzione di bitume, la separazione dei gas, la polimerizzazione, etc … Le tecniche elencate e descritte nelle conclusioni sulle BAT non sono prescrittive né esaustive. È possibile avvalersi di altre tecniche che garantiscano un livello almeno equivalente di protezione dell’ambiente. Inoltre, salvo diversa indicazione, le conclusioni sulle BAT sono di applicabilità generale.
Sulla stessa GUUE L 307 del 28 ottobre 2014 è altresì pubblicata la Dir. 2014/94/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2014 sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La direttiva stabilisce un quadro comune di misure per la realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi nell’Unione per ridurre al minimo la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore dei trasporti. Inoltre, stabilisce requisiti minimi per la costruzione dell’infrastruttura per i combustibili alternativi, inclusi i punti di ricarica per veicoli elettrici e i punti di rifornimento di gas naturale (GNL e GNC) e idrogeno, da attuarsi mediante i quadri strategici nazionali degli Stati membri, nonché le specifiche tecniche comuni per tali punti di ricarica e di rifornimento, e requisiti concernenti le informazioni agli utenti. (MVB)


Condividi: