Dal 1° gennaio 2019 i cotton fioc devono essere necessariamente biodegradabili e compostabili. 

E’, infatti, operativo il divieto di commercializzazione e produzione, stabilito dalla Legge 205/2017 (Bilancio 2018, in virtù di un emendamento proposto da Ermete Realacci, Presidente onorario di Legambiente) e, precisamente, dal comma 545 dell’art. 1, che colpisce  i “bastoncini per la pulizia delle orecchie che abbiano il supporto in plastica o comunque in materiale non biodegradabile e compostabile ai sensi della norma UNI EN 13432:2002“. A decorrere dalla medesima data, inoltre, è fatto obbligo di indicare sulle confezioni “informazioni chiare sul corretto smaltimento dei bastoncini stessi, citando in maniera esplicita il divieto di gettarli nei servizi igienici e negli scarichi“. Diventando compostabili, i cotton fioc vengono riciclati diversamente, non più nell’indifferenziato ma nell’organico, come precisa il Presidente di Legambiente: “i nuovi cotton fioc saranno per lo più realizzati con bioplastiche e materiale in cartonato e dovranno essere tutti smaltibili nel compost. Quelli acquistati lo scorso anno, se ancora prodotti in plastica, dovranno invece finire nell’indifferenziato“. Sempre secondo l’Associazione, “i volontari di Legambiente, negli ultimi cinque anni, hanno monitorato 245 spiagge, censendo 162.936 rifiuti, di cui il 9% è rappresentato proprio dai cotton fioc (14.342), una media di 60 bastoncini di plastica per ogni spiaggia. Sulle nostre spiagge c’è di tutto: blister, tamponi e assorbenti, medicazioni, deodoranti per wc, contenitori per le lenti a contato. Tutti rifiuti buttati nel WC e che hanno raggiunto mare e spiagge, anche a causa di sistemi di depurazione inefficienti. Prevenire è possibile e anche molto semplice: basterebbe usare il cestino“.

Il 2020 vedrà, invece, l’addio ai prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche (anche questo frutto di un emendamento a firma di Realacci), come stabilito dal successivo comma 546 della stessa L. Bilancio 2018.


Condividi: