Comunicato stampa – Consiglio dell’UE, 28 novembre 2023

Il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto oggi un accordo politico provvisorio sulla direttiva che stabilisce norme comuni per i mercati interni del gas rinnovabile e del gas naturale e dell’idrogeno. La direttiva mira a facilitare la penetrazione dei gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio nel sistema energetico, consentendo il passaggio dal gas naturale, al fine di raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica dell’UE nel 2050.

La direttiva fa parte del pacchetto sulla decarbonizzazione dei mercati dell’idrogeno e del gas, che comprende anche un regolamento. Sia la direttiva che il regolamento fanno parte del pacchetto “Pronti per il 55 %” e mirano a creare un quadro normativo per le infrastrutture e i mercati dedicati all’idrogeno e la pianificazione integrata della rete. Stabiliscono inoltre norme per la protezione dei consumatori e rafforzano la sicurezza dell’approvvigionamento. La parte restante del pacchetto sul gas sarà approvata dal Consiglio e dal Parlamento in una fase successiva.
 

Approvazione delle modifiche alla direttiva da parte del Consiglio e del Parlamento

 
Il Consiglio e il Parlamento hanno concordato la ripartizione tra gestori dei sistemi di trasmissione (TSO) e gestori dei sistemi di distribuzione (DSO) per l’idrogeno.

Per quanto riguarda la protezione dei gruppi vulnerabili, gli Stati membri devono garantire che il diritto di cambiare fornitore o operatore di mercato sia concesso ai clienti in modo non discriminatorio in termini di costi, sforzi e tempi. L’accordo provvisorio prevede disposizioni sulle modalità di disconnessione, al fine di proteggere i clienti dalla futura disattivazione della rete del gas o dalla sua riconversione all’idrogeno. Le organizzazioni appropriate devono essere consultate, il cliente deve essere informato in anticipo e le esigenze specifiche dei clienti vulnerabili saranno prese in considerazione.

Gli Stati membri hanno il potere di decidere come proteggere i clienti vulnerabili dalle disconnessioni e di decidere il modo migliore per sostenerli.

Infine, l’accordo provvisorio prevede un maggiore coordinamento tra i piani di sviluppo delle reti per l’idrogeno, l’energia elettrica e il gas naturale. I piani di sviluppo della rete si baseranno sull’integrazione settoriale, sul principio “l’efficienza energetica al primo posto” e sulla priorità dell’uso dell’idrogeno nei settori difficili da decarbonizzare.
 

Passaggi successivi

 
L’accordo provvisorio raggiunto oggi con il Parlamento europeo deve ora essere approvato e formalmente adottato da entrambe le istituzioni.
 

Sfondo

 
La Commissione ha presentato la presente proposta il 15 dicembre 2021 nell’ambito della seconda serie di proposte nell’ambito del pacchetto “Pronti per il 55 %”, che mira ad allineare la legislazione dell’UE in materia di clima ed energia all’obiettivo dell’UE di ridurre le emissioni di gas a effetto serra di almeno il 55 % entro il 2030 e di conseguire l’obiettivo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

La direttiva fa parte del pacchetto sulla decarbonizzazione dei mercati dell’idrogeno e del gas, che comprende anche un regolamento. Il Consiglio e il Parlamento approveranno il regolamento in una fase successiva.

Master Esperto Ambientale edizione di gennaio 2024
 


Condividi: