Lo scorso novembre 2018 il Presidente del Consiglio, il Presidente della Regione Campania e sette Ministri, tra cui il Ministro dell’Ambiente, firmavano a Caserta il Protocollo d’intesa che ha istituito il “Piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti”, adottato in via sperimentale per due anni e che, nelle intenzioni del governo, dovrebbe rappresentare un modello esportabile anche al di fuori della “terra dei fuochi”. A pochi mesi di distanza, il 18 febbraio 2019 si è cercato di fare un punto della situazione, nel corso del quale il Ministro dell’Ambiente ha presentato le recenti Linee Guida per gli impianti di stoccaggio di rifiuti, di seguito il Comunicato Stampa pubblicato sul portale del Ministero:

“Caserta, 18 febbraio 2019 – Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha partecipato oggi a Caserta e a Napoli alla riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per una verifica e un aggiornamento sul Piano d’azione per il contrasto dei roghi di rifiuti, sottoscritto a Caserta lo scorso 19 novembre.

A tre mesi dal Piano d’azione i roghi sono passati da 24,6 al mese (Novembre, dicembre e gennaio 2017/2018 quindi l’anno scorso) a 17 (negli stessi mesi ma dopo la firma del Piano) e sono roghi di minore entità con tempi di spegnimento più brevi.

“È presto per fare un bilancio ma assistiamo a una diminuzione del numero e dell’entità dei roghi e a un aumento delle attività di controllo e degli arresti”, ha spiegato Costa.

Nell’occasione, il Ministro ha presentato le “Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi“, che sono state oggetto di una circolare ministeriale del 21 gennaio scorso per operare il meglio possibile sul fronte della prevenzione di un fenomeno che interessa purtroppo non solo la “terra dei fuochi” ma il Paese intero.

“Si tratta – ha spiegato Costa – di linee guida chiare, uno strumento operativo di prevenzione condiviso con le amministrazioni regionali e le agenzie ambientali a fine gennaio e già implementato nella ‘terra dei fuochi’, con criteri operativi e gestionali sullo stoccaggio dei rifiuti”.

La circolare, fa sapere il Ministro, si è resa necessaria proprio per rendere operativo il Piano di azione firmato a novembre da 7 ministri e alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il documento stabilisce i criteri per la valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro e le misure di prevenzione e di protezione antincendio da adottare e prevede azioni specifiche per la corretta gestione della fase operativa dell’emergenza.

Il documento fornisce chiarimenti rispetto all’ubicazione degli impianti di stoccaggio.

Nello specifico, la circolare prevede che in tutti gli impianti che gestiscono rifiuti debbano essere previsti ad esempio sistemi di videosorveglianza, preferibilmente con presidio h24, salvo casi particolari da valutare di volta in volta; impianti e dispositivi di protezione attiva antincendio; impianti di aspirazione e trattamento dell’aria e una serie di norme per la prevenzione e per l’azione di contrasto al rogo laddove dovesse verificarsi. Il documento prevede inoltre il tempo massimo di permanenza dello stoccaggio dei rifiuti in base alla loro pericolosità e tipologia e stabilisce una adeguata programmazione di controlli ambientali sugli impianti, relativi anche a quantitativi e modalità di gestione dei rifiuti in stoccaggio.

“Un’azione di controllo mirata, estesa anche all’abbandono di rifiuti e alle attività di gestione di rifiuti non autorizzate, che sta già dando i suoi frutti”, ha concluso il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa”.

 

Tutto questo sarà approfondito durante il Corso di formazione “BAT e stoccaggio rifiuti – Le nuove regole. Decis. UE 1147/2018 e Circ. 1121/2019“, che si terrà a Bologna, il 26 febbraio 2019.

Info: formazione@tuttoambiente.it – 0523.315305


Condividi: