In data 7 dicembre 2018 il Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali ha emanato due Circolari relativamente a due questioni ben distinte.

La prima, la n. 152, riguarda la figura del Responsabile Tecnico per la categoria 10 (bonifica dei beni contenenti amianto), in ordine alla quale era stato richiesto al Comitato di chiarire se sussista l’obbligo di sostenere la verifica per un RT nominato per la categoria 10A (bonifica di beni contenenti amianto effettuata su materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi) prima dell’entrata in vigore della nuova disciplina, e se l’esperienza maturata in cat. 10A possa valere anche per la cat. 10B (bonifica di beni contenenti amianto effettuata su materiali d’attrito, materiali isolanti, contenitori a pressione, apparecchiature fuori uso, altri materiali incoerenti contenenti amianto). Risponde il Comitato che l’RT nominato per la cat. 10A alla data di entrata in vigore della nuova disciplina deve sostenere solo la verifica di aggiornamento (v. delibera 6/2017), anche ai fini dell’iscrizione in cat. 10B. Risponde, invece, negativamente alla seconda questione sollevata, precisando che in mancanza della esperienza nelle attività di cui alla cat. 10B il Responsabile Tecnico può assumere l’incarico solo per quella categoria.

 

La seconda delibera, la n. 153, riguarda il calcolo dei requisiti minimi per l’iscrizione in cat. 1 (raccolta e trasporto di rifiuti urbani), sottocategoria D6 (raccolta e trasporto di rifiuti giacenti sulle aree e strade urbane, extraurbane e autostrade) con riferimento a quanto stabilito dalla Delibera n. 8 del 12 settembre 2017, che ha modificato la Delibera n. 5 del 3 novembre 2016. Sul punto il Comitato chiarisce che ai soli fini del calcolo della dotazione tecnica per conseguire il requisito minimo per lo svolgimento dell’attività prevista dalla sottocategoria D6 “sono equiparati ai previsti autocarri gli autoveicoli per trasporto specifico“. Osserva, infine, che con l’iscrizione in cat. 1 è possibile svolgere tutte le attività di cui alla classe di iscrizione o di classe inferiore delle singole sottocategorie.


Condividi: