In vigore da oggi il decreto 14 novembre 2019 recante “Istituzione del Sistema nazionale di certificazione della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi” (pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale n. 279), con cui il Ministero dell’ambiente ha stabilito:

a) le modalità di funzionamento del Sistema nazionale di certificazione della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi, nonché le procedure di adesione allo stesso;

diritto-ambientale

b) le procedure per la verifica degli obblighi relativi alle informazioni sociali e ambientali, ossia le informazioni relative alla materia prima utilizzata per la produzione di biocarburanti o bioliquidi che riguardano, in particolare, le misure adottate per la tutela del  suolo,  delle  risorse  idriche  e  dell’aria,  per   il ripristino dei terreni degradati e per evitare il  consumo  eccessivo di acqua in zone afflitte da carenza idrica, nonché  per  la  tutela del lavoro nel Paese in cui è stata prodotta la materia prima;

c) le disposizioni che gli operatori economici ed i fornitori devono rispettare per l’utilizzo del sistema di equilibrio di massa.

Il decreto contiene inoltre quattro allegati: l’all. 1 contenente i moduli per l’adesione da parte degli operatori economici al Sistema nazionale di certificazione, l’all. 2 relativo alle modalità di svolgimento delle verifiche da parte degli organismi  di certificazione  per le varie fasi di produzione    dei biocarburanti/bioliquidi, l’all. 3 relativo alla metodologia di calcolo delle emissioni di gas serra di  bioliquidi  e di biocarburanti, diversi dal biometano e l’all. 4 relativo alla dichiarazione degli organismi di certificazione ai sensi dell’articolo 14, comma 3, del decreto italiano che istituisce il sistema nazionale di certificazione dei biocarburanti e bioliquidi.

Il settore ambientale è indubbiamente uno di quelli che offre maggiori opportunità di crescita e sviluppo dal punto di vista professionale, ma conosci tutti i rischi, le responsabilità e le sanzioni ambientali in cui puoi incorrere nella tua attività?

TuttoAmbiente propone un incontro intensivo ed esclusivo con Stefano Maglia, uno dei massimi esperti di Diritto Ambientale, in cui potrai conoscere e confrontarti non solo su tutte le principali sanzioni in materia di rifiutiscarichiemissioni e AIA, ma potrai capire fino in fondo a quali responsabilità amministrative e penali si va incontro e come prevenirle: “Responsabilità e sanzioni ambientali – Come prevenirle? Deleghe, 231, ecoreati”, Piacenza, 6 febbraio 2020.

Info e approfondimenti: 0523315305 – formazione@tuttoambiente.it


Condividi: