Modifiche in arrivo per la Parte Seconda del D.L.vo 152/2006? Si tratta della parte che disciplina le procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione di impatto ambientale (VIA) e per l’autorizzazione integrata ambientale (AIA). E’ stato, infatti, stampato in data 13 novembre 2018 il Progetto di Legge n. 53, presentato il 23 marzo 2018, che interviene già sulla rubrica della Parte Seconda, sostituendola dalla seguente: “Procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione dell’impatto ambientale (VIA), per la valutazione d’incidenza (VI) e per l’autorizzazione integrata ambientale (AIA)“. La necessità di modifiche alla Parte Seconda, si legge nel testo della Proposta, nasce dalla considerazione che negli ultimi decenni le procedure di valutazione ambientale hanno subìto numerosi aggiornamenti da parte dell’Unione europea.

ddd

Tra le novità proposte, figura l’introduzione del concetto di sostenibilità ambientale, definita quale “capacità di non alterare e, ove possibile, di migliorare progressivamente la qualità, la quantità e la riproducibilità delle risorse naturali presenti sul territorio”, di incidenza ambientale e di impatto sanitario. Entra a far parte delle definizioni di cui alla Parte Seconda il concetto di valori limite di immissione, individuato nel “valore massimo che può essere immesso da una o più sorgenti nell’ambiente esterno e misurato in corrispondenza dei recettori, espresso in termini di massa o di concentrazione, che non può essere superato in uno o più periodi di tempo o in luoghi definiti“, con la precisazione che “i valori limite di immissione possono essere fissati anche per determinati gruppi, famiglie o categorie di sostanze, indicate nell’allegato X“. Tale concetto viene, poi, ripreso nel corso di tutta la Parte Seconda come modificata dalla proposta di legge, quindi anche in tema di AIA. Secondo la proposta, infatti, l’AIA deve includere (art. 29-sexies) anche i valori limite di immissione calcolati in corrispondenza di recettori ambientali, e deve contenere gli opportuni requisiti di controllo delle emissioni e delle immissioni.


Condividi: