È finalmente arrivato il tanto atteso via libera dell’Aula del Senato alla fiducia sulla legge di Bilancio 2023 (Legge 29 dicembre 2022, n. 197 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”) che è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 303 di ieri, 29 dicembre, e che dal 1º gennaio 2023 entrerà ufficialmente in vigore.

Nella legge, oltre all’ampio “pacchetto” contro il caro energia (che prevede lo stanziamento di ben 21 dei 35 miliardi di euro mobilitati) si rilevano anche alcune misure in materia di sostenibilità, rifiuti di imballaggio, plastica e risorse idriche.

In particolare, in questa sede, segnaliamo gli interventi più rilevanti:

 

SOSTENIBILITÀ

Comma 428: è stato istituito il Fondo per l’innovazione in agricoltura, con una dotazione di 75 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024 e 2025 al fine di favorire non solo lo sviluppo di progetti di innovazione finalizzati all’incremento della produttività nei settori dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura, ma anche per il risparmio dell’acqua, la riduzione dell’impiego di sostanze chimiche e per l’utilizzo di sottoprodotti.

Comma 460: ai fini dell’accesso al Fondo per le infrastrutture ad alto rendimento, dovranno essere individuati, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, gli indicatori finalizzati a misurare il rendimento infrastrutturale in termini di potenziamento della viabilità, di sicurezza delle infrastrutture e degli spostamenti, di miglioramento della qualità della vita, di sostegno alla competitività delle imprese e di sostenibilità ambientale.

Comma 608: viene stabilito che il Fondo per i piccoli comuni a vocazione turistica è destinato a finanziare progetti di valorizzazione dei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti al fine di incentivare interventi innovativi di accessibilità, mobilità, rigenerazione urbana e sostenibilità ambientale.

Comma 611: è stato istituito il Fondo per il turismo sostenibile, con una dotazione pari a 5 milioni di euro per l’anno 2023 e a 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024 e 2025, al fine di:

a) rafforzare le grandi destinazioni culturali attraverso la promozione di forme di turismo sostenibile, l’attenuazione del sovraffollamento turistico, la creazione di itinerari turistici innovativi e la destagionalizzazione del turismo;

b) favorire la transizione ecologica nel turismo, con azioni di promozione del turismo intermodale secondo le strategie di riduzione delle emissioni per il turismo;

c) sostenere le strutture ricettive e le imprese turistiche nelle attività utili al conseguimento di certificazioni di sostenibilità.

Comma 618: al fine di contribuire al perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile nel quadro dell’Agenda 2030, al fine di favorire la crescita sostenibile e inclusiva e la transizione ecologica ed energetica del settore dello sport, la dotazione del fondo speciale di cui all’articolo 5 della legge 24 dicembre 1957, n. 1295, è incrementata di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2026.

Comma 707: all’articolo 23 del D.L.vo 9 giugno 2020, n. 47, provvedimento che disciplina lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra, dopo il comma 8 è inserito il seguente: «8-bis. Le disposizioni di cui al comma 4, secondo periodo, del presente articolo si intendono riferite, con riguardo alle quote dei proventi derivanti dalle aste maturate negli anni 2020 e 2021, al Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica, al netto di un importo pari a 15 milioni di euro assegnati al Ministero delle imprese e del made in Italy per ciascuna delle suddette annualità. Fermo restando quanto previsto ai commi 7 e 8 del presente articolo, la quota annua dei proventi derivanti dalle aste, se eccedente il valore di 1.170 milioni di euro fino all’anno 2024 e di 1.150 milioni di euro annui a partire dall’anno 2025, è destinata, nel limite di 500 milioni di euro annui, a specifiche misure di politica industriale relative alla sostenibilità ambientale dei processi produttivi individuate con deliberazione del Comitato interministeriale per la transizione ecologica, di cui all’articolo 57- bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nell’ambito del Piano per la transizione ecologica e per la sicurezza energetica, di cui al comma 4 del medesimo articolo 57-bis del decreto legislativo n. 152 del 2006».

RIFIUTI

Comma 749: per garantire la continuità nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani nei comuni di cui all’articolo 1 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, è autorizzato l’utilizzo, nel limite di 10 milioni di euro per l’anno 2023, delle risorse disponibili nella contabilità speciale del Commissario di cui all’articolo 4, comma 3, del citato decreto-legge n. 189 del 2016.

IMBALLAGGI

Comma 685: al fine di incrementare il riciclaggio delle plastiche miste e degli scarti non pericolosi dei processi di produzione industriale e della lavorazione di selezione e di recupero dei rifiuti solidi urbani, in alternativa all’avvio al recupero energetico, nonché al fine di ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi e il livello di rifiuti non riciclabili derivanti da materiali da imballaggio, ai fini del riconoscimento del credito d’imposta di cui all’articolo 1, comma 73, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro per l’anno 2023, per assicurare il soddisfacimento delle istanze presentate ai sensi del decreto del Ministro della transizione ecologica 14 dicembre 2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio 2022.

Comma 686: sempre per incrementare il riciclaggio delle plastiche, a tutte le imprese che acquistano prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica ovvero che acquistano imballaggi biodegradabili e compostabili secondo la normativa UNI EN 13432:2002 o derivati dalla raccolta differenziata della carta, dell’alluminio e del vetro è riconosciuto, per ciascuno degli anni 2023 e 2024, un credito d’imposta nella misura del 36 per cento delle spese sostenute e documentate per i predetti acquisti.

Comma 690: entro il 1° maggio 2023 dovrà essere adottato un decreto con cui definire i requisiti tecnici e le certificazioni idonee ad attestare la natura ecosostenibile dei prodotti e degli imballaggi secondo la vigente normativa dell’Unione europea e nazionale e in coerenza con gli obiettivi di riciclaggio di materiali da imballaggio previsti dall’allegato E alla parte quarta del D.L.vo 152/2006, nonché i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta di cui al comma 686.

PLASTICA

Comma 63: l’imposta sul consumo dei manufatti con singolo impiego (plastic tax) viene rinviata al 1° gennaio 2024

Comma 691: viene incrementato di 6 milioni di euro per l’anno 2023 e di 8 milioni di euro per l’anno 2024

il fondo denominato «Programma sperimentale Mangiaplastica» nato al fine di contenere la produzione di rifiuti in plastica attraverso l’utilizzo di eco-compattatori.

RISORSE IDRICHE

Comma 692: viene autorizzata la spesa di diversi milioni di euro al fine di garantire la dotazione finanziaria necessaria per la realizzazione degli interventi sui sistemi fognari e depurativi volti a dare esecuzione alle sentenze di condanna emesse dalla Corte di giustizia dell’Unione europea nei confronti dello Stato italiano in relazione al trattamento delle acque reflue urbane.

Comma 698: viene assegnato uno stanziamento di 14,5 milioni di euro a decorrere dall’anno 2023 ripartito tra le diverse l’Autorità di bacino per far fronte ai compiti straordinari previsti dall’articolo 63, commi 10 e 11, del D.L.vo 152/2006, provvedendo altresì all’implementazione e all’estensione all’intero distretto dei servizi informativi e applicativi per il monitoraggio e la previsione ambientale, per la gestione delle risorse idriche, ivi compresi gli eventi climatici estremi, e valutando gli impatti osservati, simulati e attesi anche in condizioni di cambiamento climatico e uso del suolo.

Comma 700: al fine di rafforzare la tutela del territorio e la gestione delle acque, per mitigare gli effetti del dissesto idrogeologico e del cambiamento climatico, vengono riservate ulteriori risorse all’assunzione di personale a tempo indeterminato presso le autorità di bacino distrettuali di cui all’articolo 63 del D.L.vo 152/2006.

 


Condividi: