Top

La banca dati ambientale Vigente, aggiornata, commentata Il tuo strumento operativo

In materia di scarichi, come si qualificano le acque meteoriche di dilavamento?

Categoria: Acqua
Autorità: Cass. Pen., Sez. III
Data: 22/01/2014
n. 2867

La nuova formulazione dell’art. 74, lett. g) del D.L.vo 152/06 esclude ogni riferimento qualitativo alla tipologia delle acque, dal momento che è stato eliminato dal dato normativo sia il riferimento alla differenza qualitativa dalle acque reflue domestiche e da quelle meteoriche di dilavamento, sia l'inciso «intendendosi per tali (acque meteoriche di dilavamento) anche quelle venute in contatto con sostanze o materiali, anche inquinanti, non connesse con le attività esercitate nello stabilimento», di talché sembrerebbe non più possibile oggi assimilare, sotto un profilo qualitativo, le due tipologie di acque (reflui industriali e acque meteoriche di dilavamento) né sembrerebbe possibile ritenere che le acque meteoriche di dilavamento (una volta venute a contatto con materiali o sostanze anche inquinanti connesse con l'attività esercitata nello stabilimento) possano essere assimilate ai reflui industriali, demandando il TUA alle singole normative regionali la disciplina di tali acque.


Vedi il testo completo: Link al documento

© Riproduzione riservata