Top

La banca dati ambientale Vigente, aggiornata, commentata Il tuo strumento operativo

Cosa si intende per “acque meteoriche di dilavamento”?

Categoria: Acqua
Autorità: Cassazione Penale, Sez. III
Data: 22/01/2015
n. 2832

Le acque meteoriche di dilavamento sono costituite dalle acque piovane che, depositandosi su un suolo impermeabilizzato, dilavano le superfici ed attingono indirettamente i corpi, di conseguenza, per “acque meteoriche di dilavamento” si intendono solo quelle acque che cadendo al suolo per effetto di precipitazioni atmosferiche non subiscono contaminazioni di sorta con altre sostanze o materiali inquinanti. Una tale impostazione esclude logicamente ogni interferenza con la competenza regionale fissata dall’art. 113 D. Lvo n 152/2006, perché essa ha ad oggetto, per espresso dettato normativo, le acque meteoriche di dilavamento, le acque di prima pioggia e le acque di lavaggio di aree esterne.


Vedi il testo completo: Link al documento

© Riproduzione riservata