Top

Preveniamo rischi Risolviamo problemi Formiamo competenze

"Mi occupo di diritto ambientale da oltre trent’anni
TuttoAmbiente è la guida più autorevole per la formazione e la consulenza ambientale
Conta su di noi"
Stefano Maglia

Nel caso in cui un carico di rifiuti viene totalmente respinto in discarica, come bisogna comportarsi con il formulario?

(di Stefano Maglia)

Categoria: Rifiuti

La struttura del FIR è molto rigida a motivo di corrispondere alla necessità di controllare i movimenti dei rifiuti fino al loro destino, esso deve essere redatto in quattro esemplari (del pari di quattro originali, seppur copie a ricalco) compilato, datato e firmato dal detentore (“il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che li detiene”), controfirmato dal trasportatore e sottoscritto dal gestore dell’impianto di recupero o smaltimento.
La prima copia del formulario deve rimanere al produttore del rifiuto fin dal momento della partenza del carico, mentre al trasportatore dovranno essere consegnate le rimanenti 3 copie.
Il trasportatore, dopo aver ottenuto la sottoscrizione del formulario da parte del gestore dell’impianto di destinazione allo scopo di dimostrare l’avvenuta accettazione del carico, trattiene la seconda copia, mentre la terza è di competenza del gestore dell’impianto e la quarta deve essere restituita, per il tramite del trasportatore, al produttore o detentore del rifiuto.
La quarta sezione del FIR (punto 11, allegato A del D.M. 145/1998) è espressamente riservata al destinatario del carico, che deve preoccuparsi della corretta compilazione: è in questa parte che egli esprime, se del caso, la propria accettazione.
Il destinatario può infatti formulare tre scelte:

– accettare il carico per intero: quindi tratterrà la terza copia del FIR e rimanderà la quarta al produttore (la seconda resta al trasportatore);

– accettare il carico parzialmente, indicando per iscritto nell’apposito spazio la motivazione di tale accettazione parziale (allegato C, punto VII, D.M. 145/1998). Anche in questa ipotesi l’impianto di destino trattiene la terza copia e restituisce le altre al trasportatore; quest’ultimo potrebbe dover andare in altro sito per lo scarico dei rifiuti non accettati e ciò è legittimo solo per mezzo delle “copie originali” del FIR;

– respingere il carico per intero.

In quest’ultimo caso non è nemmeno necessario trasmettere la IV copia del FIR al produttore (ma ciò non significa trattenerla) poiché il destinatario, di fatto, non è tale nella realtà, tanto che non procede ad alcuna annotazione sul registro di c/s.
È però necessario che il nuovo percorso ed il nuovo destinatario siano riportati dal trasportatore nell’apposito spazio relativo alle annotazioni (si veda CIRC. GAB/DEC/812/98 n. 1 lett. m) inoltre sarà necessario avvisare le autorità di controllo del fatto che, a seguito di una mancata accettazione il trasporto sta cambiando destinatario e percorso.
Il nuovo destinatario dovrà poi verificare che l’annotazione sia stata apposta nel FIR da parte del trasportatore.

 

*Tratto da “La gestione dei rifiuti dalla A alla Z, III ed – 350 problemi, 350 soluzioni“, Stefano Maglia, 2012.

Torna all'elenco completo

© Riproduzione riservata