Una recentissima sentenza della Corte di Cassazione (n. 46373 del 14 novembre 2019) ha confermato la responsabilità dei capi famiglia di un campo nomadi per aver cooperato colposamente (ai sensi dell’art. 113 del codice penale) nel reato di abbandono di rifiuti all’interno dell’area ove di fatto vivevano.

La Corte ha negato una relazione tra la posizione di capi famiglia e la responsabilità contestata sostenendo invece che “viene considerato responsabile ai sensi dell’art. 113 cod. pen. l’agente il quale, trovandosi a operare in una situazione di rischio da lui immediatamente percepibile, pur non rivestendo alcuna posizione di garanzia, contribuisca con la propria condotta cooperativa all’aggravamento del rischio, fornendo un contributo causale giuridicamente apprezzabile alla realizzazione dell’evento, ancorché la condotta del cooperante in sé considerata appaia tale da non violare alcuna regola cautelare, essendo sufficiente l’adesione intenzionale dell’agente all’altrui azione negligente, imprudente o inesperta, assumendo così sulla sua azione il medesimo disvalore che, in origine, è caratteristico solo dell’altrui comportamento. I rilievi in fatto compiuti, ed analiticamente ricordati, hanno così dato conto che necessariamente tutti gli occupanti, visto l’eloquente stato dei luoghi, cooperavano, senza alcun rispetto ambientale, del tutto assente essendo altresì ogni regola di cautela. Né sono state allegate in alcun modo condotte eventualmente oppositive, che all’indistinto e generale degrado (riferibile ad ogni luogo colà abitato ed in relazione a ciascun manufatto così occupato, siccome emerge dalle richiamate considerazioni fattuali svolte in sede di merito) abbiano inteso proporre contrasto ovvero comunque porre in essere azioni in sé dissonanti“.

In argomento si segnalano il Master Esperto Ambientale  che si terrà a Roma dal 21 febbraio 2020 al 28 marzo 2020 e il Master Esperto Ambientale che si terrà a Milano dal 6 marzo 2020 al 18 aprile 2020. Principale obiettivo del Master è quello di fornire sia una formazione ed un aggiornamento professionale di alto profilo, sia la possibilità di avvicinarsi alla materia in modo pratico.

Info e approfondimenti: 0523315305 – formazione@tuttoambiente.it


Condividi: